1

Il terremoto di Kathmandu…

nepal-earthquakeMi rendo conto solo ora che non ho fatto la mia parte; ero preoccupato per Agata, ed ero evidentemente sotto shock.
E probabilmente adesso non e` piu` nemmeno il momento giusto: immagino che alla televisione il problema sembri dissolto… ma -ovviamente- nulla e` piu` lontano dal vero. Anzi.
E allora eccomi qua, nel mio piccolo, a cercare di fare quello che posso.

Questi i fatti: Agata era a la` durante la scossa, tutte quante. Proprio a fianco alla stupenda Durbar Square che adesso non c’e` piu`. Io invece ho fortuitamente lasciato Kathmandu con la moto una settimana prima del disastro. Dunque non ho le parole per descrivere quello che e` avvenuto: per 4 terribili giorni non ho avuto notizie sulla sorte della mia compagna, poi ho ricominciato a respirare. Ma da quello che ho saputo, sentito, percepito, non esiste descrizione possibile se non rinchiudere tutto in una singola glaciale parola: Apocalisse.
Agata si e` trovata in mezzo alle macerie e alla disperazione, e invece di cercare la via piu` rapida per “volare via”, assieme ad un gruppo di ragazzi qualunque, ragazzi come me e te, hanno cercato di dare una logica migliore a questo evento.

Questi ragazzi hanno creato una pagina Facebook per raccogliere delle donazioni per portare aiuto ai piccoli villaggi della zona colpita, villaggi ovviamente tagliati completamente fuori dagli aiuti internazionali… e credo che il loro aiuto stia andando molto piu` a segno delle grandi associazioni “di marca”. Questo l’indirizzo (potete vedere Agata nell’immagine di copertina, tutta impolverata, sulla destra): Share for Nepal Earthquake

Hanno un camion, e con quello stanno facendo l’impossibile, portando cibo, tende, riparo e conforto a chi aveva poco e adesso non ha piu` nulla. In cambio ricevono sorrisi. Ho saputo che devono viaggiare alla notte per evitare le imboscate dei predoni assetati di rifornimenti… l’Apocalisse.

Questo e` quanto, chi puo` condividere, condivida, chi puo` donare, faccia il possibile.
Io sono stato toccato da vicino, ma eventi come questo riguardano l’umanita` intera. E credo questo sia il mezzo piu` concreto ed efficace per chi volesse fare qualcosa.

Per chi volesse, per una volta, smettere di osservare inerte il mondo che vive e respira.
Per chi volesse dimostrare di essere vivo, vivo e consapevole.
Per chi volesse smettere di sentirsi una formichina e prendere coscienza delle proprie incredibili, illimitate potenzialita`.

Thomas @ Siem Reap, Cambogia.

Thomas

One Comment

  1. collaborazione, solidarietà, sacrificio, sono i valori che mi trasmette questa foto, senza dimenticare il coraggio e la forza di Agata e degli altri ragazzi di restare in Nepal per prestare il loro aiuto alla popolazione. Tutto questo ragazzi vi fa molto onore,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *